Lampedusa | Storia di Lampedusa | Vacanze a Lampedusa | Mappa | Contattaci | Links

Navigare Facile

La Storia

Le origini di Lampedusa

L'isola di Lampedusa venne abitata già dall'età di bronzo, come testimoniamo alcuni ritrovamenti di reperti, come catacombe, anfore e monete.

La sua posizione geografica nel Mar Mediterraneo, venne sfruttata sin dal passato e il passaggio di Greci, Romani, Francesi e Saraceni è confermata dai reperti rinvenuti.

Gli Arabi la utilizzarono come base di approdo, e quando furono definitivamente cacciati dalla Sicilia dai Romani, ne fecero una vera e propria industria del pesce, per la produzione di Garum e Allec, due salse a base di pesce.

In seguito, per un lungo periodo, l'isola resta inpopolata, fino al 400.

Il primo documento storico di Lampedusa è datato 1430, quando Alfonso d'Aragona concesse l'isola a Giovanni De Caro dei baroni di Montichiaro, il suo cameriere personale.

Nel 1551, l'ammiraglio Andrea Doria, fece sosta a Lampedusa, distrusse la roccaforte di Media, e il suo equipaggio si insediò nell'isola, forse per il suo fascino.

Lampedusa

Nel 1630, per volontà di Carlo II di Spagna, Lampedusa venne concessa alla famiglia Tomasi, che ne diventarono principi.

Nell'800 l'isola divenne di proprietà di un gruppo di contadini della famiglia Gatt, e due anni dopo, la cedettero a Alessandro Fernandez, e poi ancora Ferdinando II, Re delle due Sicilie, la riconquistò.

Fu questo per Lampedusa un periodo di rinnovamento, con la costruzione di palazzi, casa, strade, stabilimenti per il pesce e il cimitero.

Con la nascita del Regno d'Italia, nel 1860, le Isole Pelagie, e quindi anche Lampedusa, diventarono italiane.

Visita i Nostri Portali
Siti Dove Compro Passatempi Food
Navigare Facile Meteo Prestiti A portata di Mouse Risultati Calcio
Risorse Attinenti